Comune di Civitella in Val di Chiana
Comune di Civitella in Val di Chiana medaglia d'oro al valore civile
mercoledì 24 gennaio 2018  Meteo Meteo

Separazioni e divorzi davanti all'Ufficiale di Stato Civile


Con l'entrata in vigore del Decreto legge n. 132/2014 convertito con Legge 162/2014 i coniugi  che consensualmente intendono separarsidivorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio possono:

  • avvalersi della procedura di negoziazione assistita, che consiste in un accordo con l’assistenza di almeno un legale per parte;
  • rivolgersi all’ufficiale dello stato civile ma solo nel caso in cui ricorrano determinate condizioni.

Entrambe le modalità sono equiparate ai provvedimenti giudiziali, escludendo quindi la necessità di rivolgersi al Tribunale.

Se non c’è accordo tra le parti la competenza resta del Tribunale.                      

1.ACCORDO MEDIANTE NEGOZIAZIONE ASSISTITA DAVANTI ALL’AVVOCATO (art. 6)

L’art. 6 della Legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/11/2014, la convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte per le soluzioni consensuali di separazione personale, di divorzio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio: tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi (decorrenti dalla avvenuta comparizione dei coniugi dinanzi al Presidente del Tribunale, anche quando il giudizio si sia trasformato in consensuale).

Coloro che sono interessati ad adottare tale nuova procedura devono rivolgersi esclusivamente ad un avvocato per la verifica dei presupposti di legge e per tutti gli adempimenti normativi previsti.

La procedura prevede:

  • che l’accordo debba essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica:

 - in assenza di figli;
 - in assenza di figli minori;
 - in presenza di figli  maggiorenni autosufficienti non portatori di handicap grave

 

  • che l'accordo debba essere munito di un’autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell’interesse dei figli).

 - in presenza di figli minori;
 - di figli maggiorenni portatori di handicap grave;
 - di figli maggiorenni non autosufficienti

Entrambi gli avvocati, una volta ottenuto il nulla osta o l’autorizzazione da parte del P.M. dovranno trasmettere l’accordo TASSATIVAMENTE entro 10 giorni al comune di:

  • Celebrazione del matrimonio in forma civile
  • Celebrazione del matrimonio in forma religiosa
  • Trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (da due cittadini di cui almeno uno italiano)

Potrà essere inoltrato da entrambi gli avvocati un unico accordo munito del prescritto nulla osta o autorizzazione da parte del P.M. a condizione che la nota di trasmissione sia sottoscritta da entrambi gli avvocati, mediante una delle seguenti modalità:

  • PEC (documento con firma digitale) a: 

 civichiana@postacert.toscana.it

  • raccomandata con avviso di ritorno a: Comune di Civitella in Val di Chiana - Ufficio di Stato Civile,Via Settembrini n.21 52041 Badia al Pino
  • fax al numero 0575/445313
  • consegna a mano

All'avvocato che viola l'obbligo di trasmissione entro 10 giorni, è applicabile la sanzione da 2.000 a 10.000 euro

ACCORDO DAVANTI ALL’UFFICIALE DI STATO CIVILE (art.12)

 
L’art. 12 della Legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/12/2014, la possibilità per i coniugi di comparire direttamente innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune  per concludere consensualmente un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.

L’assistenza degli avvocati difensori è facoltativa.

Competente a ricevere l’accordo è il Comune di:

  • Celebrazione del matrimonio in forma civile
  • Celebrazione del matrimonio in forma religiosa
  • Trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero)
  • Residenza di uno dei coniugi

Questa procedura è attivabile alle seguenti condizioni :

  • consenso di entrambi i coniugi;
  • ASSENZA di figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave (art.3,c.3, L.104/1992), o economicamente non autosufficienti (vengono considerati i figli di entrambi i coniugi e di uno solo di essi).
  • l’accordo NON deve contenere patti di trasferimento patrimoniale (trasferimento di beni aventi valore economico dall’uno all’altro coniuge quali la casa coniugale, l’assegno di mantenimento, l’auto, i mobili  ovvero qualunque utilità economica tra i coniugi dichiaranti).
    Nell’accordo verrà unicamente indicato che si perviene alla separazione ovvero al divorzio.

Al fine di promuovere una maggiore riflessione da parte dei coniugi, è previsto un doppio passaggio dinnanzi all’Ufficiale di Stato Civile a distanza di un periodo non inferiore ai 30 giorni. 

Restano invariati anche in questa casistica i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio: Tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi (decorrenti dalla avvenuta comparizione dei coniugi dinanzi al Presidente del Tribunale, anche quando il giudizio si sia trasformato in consensuale).

La procedura davanti all’ufficiale di stato civile del comune si svolge secondo le seguenti fasi e modalità:

  1. prenotazione di appuntamento:I coniugi, o uno solo di loro, devono contattare l'ufficiale di stato civile per comunicare l'intenzione di concludere un accordo di separazione o di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.
    Per consentire all’ufficio l’acquisizione dei documenti necessari al procedimento è necessario che ciascuno dei coniugi compili l’apposita dichiarazione presente  in calce.

Entrambe le dichiarazioni possono essere:

  • consegnate all'ufficio di stato civile;

  • trasmessi via fax al numero 0575-445341

  • trasmessi via email agli indirizzi:

    civichiana@postacert.toscana.it

     

          L’ufficiale di stato civile  procede alla verifica dei  dati  dichiarati acquisendo d’ufficio i relativi certificati (in caso di divorzio è opportuno produrre la sentenza di omologa o la sentenza passata in  giudicato).

     

  1. accordo: il giorno fissato per l’appuntamento si dovranno presentare - personalmente e congiuntamente - entrambi i coniugi  per rendere davanti all’ufficiale di stato civile la dichiarazione per la separazione  o cessazione degli effetti civili del matrimonio o scioglimento o per modificare le condizioni di separazione o divorzio. Dovranno presentarsi all’Ufficiale di Stato Civile muniti della seguente documentazione:

  • documento di identità

  • sentenza di separazione (nel caso di divorzio)

  • precedente accordo (nel caso di modifica delle precedenti condizioni)

  • ricevuta di versamento di Euro 16,00 effettuato sul c.c.111526  intestato a Comune di CIVITELLA IN VAL DI CHIANA (Causale: DIRITTO FISSO- Art. 12 c.6.- L.162/2014);

 

L’atto contenente l’accordo è compilato, sottoscritto e iscritto nei registri di stato civile.

L’ufficiale dello stato civile concorda con i coniugi una data per un ulteriore appuntamento (non prima di trenta giorni dalla data dell’accordo) per la conferma dell’accordo.

Nel caso di modifica delle condizioni di separazione o divorzio, l’accordo è immediatamente efficace e non necessita della conferma.

 

  1. conferma dell’accordo: il giorno fissato per l’appuntamento si dovranno presentare - personalmente e congiuntamente - entrambi i coniugi  innanzi all’Ufficiale di Stato Civile  per la conferma della volontà di separarsi o divorziare.

 

La conferma dell'accordo fa sì che la separazione o il divorzio diventino definitivi e farà decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione;

La mancata comparizione nel giorno ed orario concordati, senza giustificato motivo, varrà quale rinuncia e quindi mancata conferma dell'accordo.

 


Riferimenti normativi:

  • Legge 01 dicembre 1970, n. 898 Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio (G.U. n. 306 del 03/12/1970)
  • Decreto legge n. 132/2014 convertito con legge 10 novembre 2014, n. 162 recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. (G.U. n. 261 del 10-11-2014 - Supp. Ordinario n. 84)

 


Ufficio di riferimento:

Ufficio di Stato Civile – VIA SEtTEMBRINI N.21 52041 BADIA AL PINO

Tel. 0575-445313

Fax 0575-445341

E-mail:

galia.barbini@civichiana.it

anagrafe@civichiana.it

Orario: dal lun. al ven. Dalle 10 alle 13




Comune di Civitella in Val di Chiana - 52041 Badia al Pino (AR) Via Settembrini, 21 - Telef. 05754451, Fax 0575445350
E-mail: comune@civichiana.it, PEC civichiana@postacert.toscana.it, IBAN: IT65C0103071451000000135112, CF e PI: 00259290518

Note legali | Privacy

Powered by Artel S.p.a. - http://www.ar-tel.it