Comune di Civitella in Val di Chiana
Comune di Civitella in Val di Chiana medaglia d'oro al valore civile
lunedì 21 maggio 2018  Meteo Meteo

La Strage nazifascista del 29 giugno 1944 Fotografie e MonumentiVideoDocumentiIl campo di concentramento “Villa Oliveto”



Sentenze
N. 1072 del 21/10/2008. Sentenza della Suprema Corte di Cassazione emessa a seguito di ricorso presentato dal difensore della Repubblica Federale di Germania, nella sua qualità di responsabile civile, denunciando l'illegittimità della condanna del Tribunale di 2° grado, perché contraria a norme consuetudinarie di diritto internazionale e ad obblighi assunti dall'Italia con la stipula del Trattato di Pace del 1947 e con gli accordi italo-tedeschi di Bonn del 1961. In particolare la Suprema Corte ha ritenuto inoperante il principio consuetudinario internazionale di immunità degli Stati dalla giurisdizione per atti compiuti "iure imperii" nel caso di gravi violazioni del diritto umanitario. Secondo la Corte, la violazione dei diritti fondamentali dell’uomo, che contraddistingue i crimini contro l’umanità, segna il "punto di rottura tollerabile" della sovranità e quindi il rispetto della "sovrana eguaglianza" degli Stati deve restare privo di effetti.

Archivio: Biblioteca Comunale di Civitella in Val di Chiana
Fondo: Sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 1072 del 21/10/2008
Supporto: Fotocopia/File


03.Sentenza Civitella_Cassaz_21.10.2008.pdf
Comune di Civitella in Val di Chiana - 52041 Badia al Pino (AR) Via Settembrini, 21 - Telef. 05754451, Fax 0575445350
E-mail: comune@civichiana.it, PEC civichiana@postacert.toscana.it, IBAN: IT65C0103071451000000135112, CF e PI: 00259290518

Note legali | Privacy

Powered by Artel S.p.a. - http://www.ar-tel.it